Morì dopo trapianto, pm, serve perizia

Serve una perizia con la formula dell'incidente probatorio sul cuore prelevato al San Raffaele a un 48enne milanese e poi trapiantato a un sessantenne cardiopatico, morto nel settembre 2016 all'ospedale San Camillo di Roma. E' la richiesta avanzata al gip dal pm Francesco De Tommasi, dopo che nuovi documenti depositati dai suoi consulenti e dai legali dei familiari della vittima hanno evidenziato "patologie pregresse" dell'organo. Una consulenza aveva, invece, segnalato che l'organo era "idoneo a scopo di trapianto". Nell'inchiesta, che era stata trasferita da Roma a Milano nei mesi scorsi, risultano indagati per omicidio colposo cinque medici, due del San Raffaele e tre del San Camillo.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Corriere di Como
  2. La Provincia di Como
  3. La Provincia di Como
  4. La Provincia di Como
  5. Corriere di Como

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Lomazzo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...